Poetry

Máelvarstal
Poema della creazione dei mondi/Poem of the Creation of the Worlds


Translated into English by Gray Sutherland
 

(Edizioni Kolibris, Ferrara, 2020

ISBN: 978-88-99274-70-2, pp. 74, € 10)

Il Máelvrastal è un poema cosmogonico che racconta la nascita dell’universo 14 miliardi di anni fa, in un dialogo sorprendente tra le cosmologie scientifiche esplorate dall’astrofisica degli ultimi vent’anni, i canti orali delle comunità a interesse etnografico e i testi epico-mitologici antichi. In questo poema Benozzo, che qualcuno ha definito «l’Omero della contemporaneità», affronta una sfida che non era mai stata tentata da nessun poeta antico o moderno prima di lui: una narrazione del caos primigenio in cui materia-energia e spazio-tempo si formarono, in una vertigine poetica in cui viene spazzato via ogni possibile orizzonte umano e terrestre.

 

Máelvrastal is a cosmogonic poem that tells of the birth of the universe fourteen billion years ago, in an astonishing dialogue between the science-based cosmologies explored by astrophysics in the last twenty years, the orally transmitted songs of ethnographic communities, and ancient mythological epic texts. In this poem, Benozzo, whom someone recently described as today’s Homer, takes on a challenge that no poet before him, either ancient or modern, has ever attempted: to tell the story of the primordial chaos in which energy and matter, space and time took shape, in a poetic dizziness where every possible horizon, be it human or terrestrial, is wiped out.  

José Castello Branco

Il poema sul sito di Kolibris

 

 

 

 

Poema dal limite del mondo / Poem from the Edge of the World


Translated into English by Gray Sutherland
 

(Edizioni Kolibris, Ferrara, 2019 

ISBN: 978-88-99274-54-2, pp. 66, 10 €)

"Visionario, spiazzante, epico, ventoso, Benozzo ha una capacità solo sua di riportare la parola al momento in cui ogni parola nominò il mondo la prima volta. […]. Ciò che questo poeta coerentemente e sorprendentemente mette in atto, poema dopo poema, è una rivoluzione dell’idea stessa di poesia: senza mezzi termini, e con la sua dimensione atemporale e universale, in questo momento è lui l’Omero della post-modernità".

Lope Estrada

 

"Visionary, bewildering, epic, windy, Benozzo has an unique ability to bring the word back to the time when each and every word named the world for the very first time […]. What this poet consistently and surprisingly puts into action, poem after poem, is a revolution of the very idea of poetry: bluntly, and with its timeless and universal dimension, he is today’s Homer of post-modernity"

 

Lope Estrada

Il poema sul sito di Kolibris

 

 

 

 

Stóra Dímun

Poema camminato / A Walked Poem / Gonguríma

Translated into English by Gray Sutherland

into faroese by Jóanes Nielsen
 

Con la riproduzione del taccuino originale.

 

(Edizioni Kolibris, Ferrara, 2019,

ISBN: 978-88-99274-50-4, pp. 46, € 8)

 

Un poema ventoso e visionario composto sulla più piccola delle Isole Faroe, incentrato sulle rivelazioni senza alibi che il confronto con le vite dei paesaggi consegna all’esistenza di ciascuno. Il testo italiano di Benozzo è accompagnato da
traduzioni in inglese (del poeta canadese Gray Sutherland) e faroese (dello scrittore e poeta Jóanes Nielsen).


This is a windy and visionary poem, which was composed on the smallest of the Faroe Islands, focusing on the alibiless revelations handed over to the existence of each of us by the comparison with the lives of the landscapes. Francesco Benozzo’s Italian text is accompanied by an English translation by the Canadian poet Gray Sutherland and a faroese translation by the writer and poet Jóanes Nielsen.

La capanna del naufrago / The Castaway's Shack

 

Translated by Gray Sutherland

 

(Edizioni Kolibris, Ferrara, 2017,

ISBN 978-88-99274-31-3 pp. 52, € 6)

 

 

Un poema epico, iniziatico, mitologico, sulla parte selvaggia della nostra esistenza. Una celebrazione della solitudine come risorsa incondivisa ed eretica e una visione salvifica del poeta, scaraventato di continuo in luoghi preclusi dal naufragio e dai fallimenti della specie umana.

This is an esoteric, mythological epic poem about the wild side of our existence, a celebration of solitude as an unshared, heretical resource, and a salvifical vision of the poet, who is constantly being flung into prohibited places by the shipwreck and the failures of the human species.

Felci in rivolta / Ferns in Revolt

 

Translated by Gray Sutherland

 

(Edizioni Kolibris, Ferrara, 2014,

ISBN 978-88-99274-21-4, pp. 40, € 6)

 

 

Un inoltramento nelle profondità dei paesaggi per parlare di vita e morte, dei fondali del cuore umano e della scomodità della poesia e del poeta, sempre in bilico tra sogno e invettiva, tra nostalgia dell’imperfezione e rifondazione di nuovi mondi.

 

A travel into the depht of the landscape to speak of life and death, the deepness of the human heart, and the discomfort of poetry and the poet, always poised between dream and invective, between nostalgia for imperfection and the founding of new worlds.
 

Onirico geologico
 

(Edizioni Kolibris, Ferrara, 2014,

ISBN 978-88-96263-96-9, pp. 86, € 12,00)

 

 

"Ciò che colpisce di questo poema non è soltanto la bellezza articolata e selvaggia dei suoi versi e del suo ritmo, ma la latitudine mitologica di cui si fa portavoce mentre celebra la sacralità della materia e dei luoghi. Un esempio del tutto unico, al tempo stesso arcaico e avanguardistico, di epica portatile. Un piccolo miracolo in bilico tra canto sciamanico e cosmogonia del cuore umano" (Fernando Ribeiro)

"Ascoltare Francesco Benozzo eseguire Onirico geologico accompagnato dalla sua arpa mi ha illuminato improvvisamente su come è nata la poesia ancora prima che esistessero i poeti"

(Barry Wallenstein)
 

© 2020 by FRANCESCO BENOZZO